Isaiah Berlin

La libertà e i suoi traditori

Isaiah Berlin

La libertà e i suoi traditori

Traduzione di Giovanni Ferrara degli Uberti
Piccola Biblioteca Adelphi, 534
2005, 2ª ediz., pp. 275
isbn: 9788845920134
Temi: Filosofia, Storia delle idee
€ 15,00 -15% € 12,75
Wishlist Wishlist Wishlist
Aggiungi al carrello Aggiungi al carrello Aggiungi al carrello
Risvolto
Trasmesse con enorme successo dalla BBC nel 1952, queste conferenze sono sei ritratti memorabili di altrettanti «nemici della libertà» e al tempo stesso la migliore introduzione al pensiero filosofico di Berlin. In ciascuno dei sei «cattivi maestri» – tutti appartenenti al periodo della Rivoluzione francese – Berlin individua un nucleo irriducibilmente autoritaristico o illiberale, che ne offusca la portata teorica o le singole intuizioni. Così Rousseau si ostina a credere, come un «matematico folle», alla possibile quadratura del cerchio tra libertà e autorità; Fichte è alla radice di ogni metafisica nazionalistico-idealistica e delle catastrofi che ne derivano; Hegel finisce con l’avallare ogni forma di potere e sopraffazione facendo coincidere «ciò che è buono con ciò che ha successo»; Saint-Simon, invocando una «grande gerarchia neofeudale» e «una pianificazione imperativa», prefigura le religioni secolari del socialismo reale; e persino de Maistre, con cui Berlin simpatizza per la sua visione disincantata della natura «umana» come aggregato di «crudeltà, dolore e caos», approda a un’apologia di quella «divina» in quanto legittimazione del potere.
Berlin ci mostra così come le sofferenze individuali e collettive scaturiscano dalla pretesa di intervenire astrattamente sui difetti e sui limiti della nostra specie, di voler raddrizzare con la violenza fredda di un sistema – filosofico, politico o economico – il «legno storto» dell’umanità.