Hans Bellmer

Anatomia dell’immagine

Hans Bellmer

Anatomia dell’immagine

A cura di Ottavio Fatica
Piccola Biblioteca Adelphi, 467
2001, pp. 95, 11 disegni dell’autore
isbn: 9788845916564
Temi: Letteratura francese, Arte, Eros
€ 8,00 -15% € 6,80
Wishlist Wishlist Wishlist
Aggiungi al carrello Aggiungi al carrello Aggiungi al carrello
Risvolto
Molto si parla, e si è parlato, del corpo negli ultimi decenni. Ma era rimasto sinora destinato a una circolazione esoterica questo breve, eversivo, trattato di Hans Bellmer, il pittore che, insieme a Max Ernst, seppe immettere nel surrealismo una carica demoniaca che traeva le sue origini dal primo Romanticismo tedesco. Fin dagli anni Trenta, quando inventò la sua perversa Bambola – figura con la quale avrebbe intrattenuto un lungo, scandaloso rapporto di convivenza –, Bellmer fu un teorico e uno sperimentatore estremo del corpo, che rovesciava come molteplici guanti nei suoi quadri e disegni erotici, insieme algebrici e roventi. La presenza anatomica del sesso e
l’«inconscio fisico» che abita in ogni corpo, i rudimenti di una metafisica del voyeur, la capacità delle membra di trasformarsi in una serie di doppi allucinatori: sono temi e tracce di questo scritto, che a sua volta si sdoppia, con perfetta consequenzialità, in una serie di magistrali disegni, quasi a mostrarci la violenta scossa a tutta la nostra percezione che le teorie subdolamente esposte dall’autore comportano.
Anatomia dell’immagine è apparso per la prima volta nel 1957.