Dai Sijie

Balzac e la Piccola Sarta cinese

Dai Sijie

Balzac e la Piccola Sarta cinese

Traduzione di Ena Marchi
Fabula, 133
2001, 11ª ediz., pp. 176
isbn: 9788845916007
Temi: Letteratura francese
€ 14,00 -15% € 11,90
Wishlist Wishlist Wishlist
Aggiungi al carrello Aggiungi al carrello Aggiungi al carrello
Risvolto
Accade talvolta che un romanzo di autore ignoto – e magari con un nome difficile da pronunciare – incanti d’un colpo i lettori più disparati per una certa irresistibile freschezza, per la sua capacità di lasciar sgorgare la narrazione senza che il lettore faccia in tempo ad accorgersi di esservi già immerso. È accaduto in Francia con Balzac e la Piccola Sarta cinese, che nel giro di poche settimane è diventato il romanzo che tutti leggevano, consigliavano agli amici, avevano voglia di regalare.
La storia è remota ma parla a ciascuno di noi: perché racconta di come la lettura, grazie alla segreta malia di una misteriosa, preziosissima valigia di libri occidentali proibiti, riesca a sottrarre due ragazzi, colpevoli soltanto di essere figli di «sporchi borghesi», a svariate torture e permetta anche a uno di loro di conquistare la «Piccola Sarta cinese». Così, pur vivendo in mezzo agli orrori della «rieducazione», i due ragazzi e la Piccola Sarta scopriranno, in virtù di qualche goccia magica di Balzac (e di Dumas, e di Flaubert, e di Kipling), che esiste un mondo fatto di pura, avventurosa bellezza. Attraversando, nel frattempo, loro stessi rocambolesche avventure: come quando, per vincere la diffidenza del capo del villaggio dinanzi a un oggetto ignoto – un violino –, il giovane Luo annuncia agli astanti sbigottiti che ascolteranno una sonata dal titolo Mozart pensa al presidente Mao.
Balzac e la Piccola Sarta cinese è apparso in Francia nella primavera del 2000.
Altre edizioni
2004, pp. 176
€ 10,00 -15% € 8,50