Aggiungi alla wishlist Aggiungi alla wishlist Aggiungi alla wishlist
Condividi Condividi Condividi

Clarice Lispector

Il lampadario

Traduzione di Virginia Caporali, Roberto Francavilla

Fabula, 381
2022, 2ª ediz., pp. 282
isbn: 9788845937163

€ 19,00  (-5%)  € 18,05
Estratto Estratto Estratto
Aggiungi al carrello Aggiungi al carrello Aggiungi al carrello
IN COPERTINA
Clarice Lispector nel suo appartamento a Leme (Rio de Janeiro, metà degli anni Sessanta).
Per gentile concessione di Paulo Gurgel Valente.
SINOSSI

Nella grande casa in cui, magra, scalza, solitaria, la piccola Virgínia si aggira «in concentrata distrazione» i mobili spariscono un po’ alla volta, «venduti, rotti o troppo vecchi», e le porte si aprono su stanze in cui regnano «il vuoto, il silenzio e l’ombra». Abbandonato nella vasta sala da pranzo – dove brillano «vetri e cristalli addormentati nella polvere» – c’è però un lampadario, unico sopravvissuto di antichi fasti: «Il grande ragno avvampava», e Virgí­nia «lo guardava immobile, inquieta, sem­brava presagire una vita tremenda. Quel­l’esistenza di ghiaccio». Ma soprattutto in­sieme a lei c’è Daniel, il fratello di poco più grande, che da quando è nata la consi­dera «solo sua», che la protegge e la tormenta, e con lei condivide straordinari se­greti: dal misterioso cappello che vedono scivolare lungo il fiume – e che immagina­no appartenga a un annegato – alla scato­la piena di ragni velenosi di Daniel, fino alla Società delle Ombre di cui sono gli unici membri. Quando i due, cresciuti, la­sceranno insieme la tenuta di Granja Quie­ta per andare a studiare in città, i loro desti­ni si separeranno. E quando, dopo un’ar­dua educazione sentimentale, Virgínia de­ciderà di tornarci, capirà «che il posto do­ve si è stati felici non è il posto dove si può vivere»: sul treno che la riporterà lontano si accorgerà di essersi scordata di guarda­re il lampadario e saprà «di averlo perdu­to per sempre», così come ha perduto per sempre la sua infanzia miserabile e incan­tata. Lispector narra questa struggente iniziazione alla vita con la sua lingua lussu­reggiante e visionaria: «attenta» ha scritto Franco Marcoaldi «al cuore che batte, al­la vena che pulsa, alla vibrazione cieca del sentimento nel corpo».

«Lispector spinge con forza crescente sul pedale di una lingua allucinata e visionaria, tesa più a sentire che a capire: attenta al cuore che batte, alla vena che pulsa, alla vibrazione cieca del sentimento nel corpo». (Franco Marcoaldi)

Volumi dello stesso autore
Clarice Lispector

Un soffio di vita

«Il senso mi arriva attraverso il respiro, e non in parole. È un soffio».
Traduzione di Roberto Francavilla
Fabula, 345
2019 / pp. 193 / € 16,00  € 15,20
Aggiungi al carrello Aggiungi al carrello Aggiungi al carrello
Fabula, 345
2019 / pp. 193 / € 16,00  € 15,20
Aggiungi al carrello Aggiungi al carrello Aggiungi al carrello
Altre edizioni
Clarice Lispector

Acqua viva

Testo estremo di un’artista estrema, Acqua viva è il massimo raggiungimento della maturità di Clarice Lispector.
Traduzione di Roberto Francavilla
Fabula, 316
2017 / pp. 95 / € 15,00  € 14,25
Aggiungi al carrello Aggiungi al carrello Aggiungi al carrello
Fabula, 316
2017 / pp. 95 / € 15,00  € 14,25
Aggiungi al carrello Aggiungi al carrello Aggiungi al carrello
Altre edizioni
Clarice Lispector

Vicino al cuore selvaggio

«Per quanto possa sembrare strano, si resta con un’impressione luminosa, ancorché sgomenta, avendo attraversato l’atmosfera di sgradevolezza, di malessere e di smarrimento, di indecifrabilità, di serpeggiante o esplosiva follia che avvolge i personaggi della Lispector. La grande virtù dell’autrice sta nella decisione di...
Traduzione di Rita Desti
gli Adelphi, 225
2003 / pp. 193 / € 12,00  € 11,40
Aggiungi al carrello Aggiungi al carrello Aggiungi al carrello
gli Adelphi, 225
2003 / pp. 193 / € 12,00  € 11,40
Aggiungi al carrello Aggiungi al carrello Aggiungi al carrello
Altre edizioni