Carlo Emilio Gadda

Divagazioni e garbuglio

Carlo Emilio Gadda

Divagazioni e garbuglio

A cura di Liliana Orlando
Biblioteca Adelphi, 698
2019, pp. 553
isbn: 9788845934032
Temi: Letteratura italiana
€ 26,00 -15% € 22,10
Wishlist Wishlist Wishlist
Aggiungi al carrello Aggiungi al carrello Aggiungi al carrello
Risvolto

Grande saggista Gadda lo è sempre stato: sin dal 1927, quando è apparsa su «Solaria» l’Apologia manzoniana, magnifica lettura dei Promessi sposi (e del «barocco lombardo», alla luce di Caravaggio) che rivela – come è stato scritto – una «profonda connivenza sotto la scorza delle apparenti antinomie». E a quotidiani e riviste Gadda ha poi continuato a collaborare, per soddisfare una passione vorace che si rivolgeva ai vient de paraître (Paul Morand, Gianna Manzini, una nuova traduzione commentata del Faust, Bacchelli, Montale, Palazzeschi, Giorgio Pasquali) non meno che ai maestri venerati (Porta e Belli, oltre a Manzoni), alla questione della lingua, alla pittura e al teatro (De Chirico, De Pisis, Crivelli, Čechov, la Mandragola di Machiavelli), alla scienza e alle tecniche.
Il problema è che i suoi saggi brevi (o entretiens, come li definiva), frutto com’erano di un’accanita documentazione, di una tormentosa elaborazione, di un’ossessiva ricerca linguistica, non potevano che divergere «dalle linee più accreditate». E gettare nel panico, con la loro esorbitante lunghezza e il loro fulgore ‘barocco’, i direttori dei quotidiani, restii a pubblicare pezzi destinati a chi non volesse ritrovarsi scodellate «le tre sole ideuzze che ha in testa, in una lingua da famiglia Brambilla a tàvola». «Gadda ha la mano pesande, la mano pesande» pare dicesse Croce. E a Gadda, esulcerato e oppresso dalle strettezze, non restava che prendersela con Buzzati, star del «magno “Corriere”»: «Kafka + Landolfi irrancidito ... e noioso, e inconcludente, e bischero». Quella «mano pesande» era in realtà avversione profonda per le «edificanti frottolazioni» con cui si maschera la verità, per la «lindura faraonizzata» di una ‘monolingua’ vereconda e benpensante – ricerca dello «stile necessario», obbedienza alle sollecitazioni di una «gnosi propria».