Rachel Bespaloff

Sull’Iliade

Rachel Bespaloff

Sull’Iliade

Con una Nota di Jean Wahl
Traduzione di Simona Mambrini
Piccola Biblioteca Adelphi
2018, pp. 113
isbn: 9788845933233
Temi: Mitologie, Classici greci e latini
€ 12,00 -15% € 10,20
Wishlist Wishlist Wishlist
Aggiungi al carrello Aggiungi al carrello Aggiungi al carrello
Risvolto

Rachel Bespaloff non incontrò mai Simone Weil. Eppure le affinità e le coincidenze biografiche sono tali che si è parlato, a giusto titolo, di «vite parallele»: filosofe entrambe, entrambe ebree di lingua francese, entrambe costrette, nel 1942, a cercare rifugio negli Stati Uniti. E, circostanza ancora più impressionante, nello stesso periodo in cui Simone Weil si concentrava sullo studio dell'Iliade – ne sarebbe nato un saggio fondamentale – Rachel Bespaloff dedicava all'Iliade pagine altrettanto fondamentali, fra le più dense e ispirate che siano mai state scritte. Anche per lei, come per la Weil, nell'Iliade la «forza» appare come «la suprema realtà e insieme la suprema illusione dell'esistenza». Nel poema non ci sono dunque né giusti né malvagi, ma solo «guerrieri in lotta che trionfano o soccombono ... Condannare o assolvere la forza equivarrebbe quindi a condannare o assolvere la vita stessa». E nell'Iliade, come nella Bibbia, «la vita è essenzialmente ciò che non si lascia valutare, misurare, condannare o giustificare dal vivente».

Traduzione di Simona Mambrini.
Con una Nota di Jean Wahl.

Altre edizioni
2018, pp. 113
€ 6,99