Jorge Luis Borges, María Esther Vázquez

Letterature germaniche medioevali

Jorge Luis Borges, María Esther Vázquez

Letterature germaniche medioevali

Traduzione di Lucia Lorenzini
Piccola Biblioteca Adelphi
2014, pp. 228
isbn: 9788845928871
Temi: Letteratura spagnola e iberoamericana, Critica e storia letteraria
€ 16,00 -15% € 13,60
Wishlist Wishlist Wishlist
Aggiungi al carrello Aggiungi al carrello Aggiungi al carrello
Risvolto

Il culto delle antiche letterature germaniche non solo ha illuminato la vecchiaia di Borges, il suo «occaso», com'egli stesso dichiara nel 1976, ma è circolato capillarmente in tutta la sua opera, nutrendo la riflessione sulla poesia e sul suo destino. Nessuno come Borges avrebbe dunque potuto accompagnarci con tanta sapienza e leggerezza lungo il vertiginoso percorso che da Ulfila, temerario traduttore della Bibbia in visigoto, e dal Beowulf conduce ai Nibelunghi, ai rapidi ed energici poeti dell'Edda, alle minuziose e realistiche saghe islandesi, alle kenningar dei poeti scaldi, sino all'«inge­gnosamente ingenuo» Heimskringla di Snorri Sturluson, la coscienza del Nord, il quale organizzò i vec­chi miti dispersi «con affetto e ironia». E anche in questo libro, che è una storia letteraria e insieme un'affabile antologia e un fascinoso racconto, Borges non cela l'epicentro della sua passione: gli Islandesi, che invano scoprirono l’America e l’ar­te del romanzo – destino singolare, e in tutto simile ai sogni.