Aggiungi alla wishlist Aggiungi alla wishlist Aggiungi alla wishlist
Condividi Condividi Condividi

Anna Maria Ortese

Da Moby Dick all’Orsa Bianca

Scritti sulla letteratura e sull’arte

Piccola Biblioteca Adelphi, 619
2011, pp. 187
isbn: 9788845926167

€ 13,00  (-5%)  € 12,35
Aggiungi al carrello Aggiungi al carrello Aggiungi al carrello
SINOSSI

Hemingway era «un pezzo di cielo, e una fitta di sole» scriveva Anna Maria Ortese nel luglio del 1961 commentando l’improvvisa scomparsa di colui che le sembrava appartenere ad anni «non ancora macchiati da carneficine o tumefatti in ghiacci spaventosi» e a una generazione di padri-leoni dalla «santità animale», estranei a una intelligenza «che oggi ha scarnificato l’uomo»: con le sue opere, infatti, Hemingway proclamava l’esistenza del Tutto di cui l’uomo è parte, e attraverso i suoi occhi ragionava tranquilla e maestosa la Natura. Non v’è dubbio: chi cercasse in questi scritti che coprono oltre cinquant’anni di attività giornalistica (dal 1939 al 1994) accorte recensioni, sagaci squarci di storia letteraria, dotte e politiche riflessioni sul romanzo sarebbe del tutto fuori strada. Il metodo di lettura di una uncommon reader come la Ortese ha a che vedere anzitutto con quella «doppia vista» di cui andava dolorosamente fiera e che, quando discorre di Leopardi o di Anna Frank, di Cechov o della Morante, di Saffo o di Thomas Mann, le consente di mettere subito a fuoco, con temeraria sicurezza, la loro profonda necessità in rapporto al compito della vera letteratura: che dev’essere, sempre, «un’autentica voce, un richiamo, un grido che turbi, una parola che rompa la nebbia in cui dormono le coscienze, il lampo di un giorno nuovo». Compito radicale, nobile, impervio, al quale corrisponde un linguaggio lontano anni luce dalla critica letteraria cui siamo abituati, e che sembra evocare, più che definire, i suoi oggetti. Magia verificabile: sarà difficile, ormai, leggere Cechov senza avvertire, in risonanza, le parole che la Ortese gli ha dedicato.

Scritti sulla letteratura e sull’arte

Volumi dello stesso autore
Anna Maria Ortese

Il Monaciello di Napoli

«Ortese è in grado di colloquiare con tutto ciò che è “altro” – l’ignoto, il sogno, la morte, l’estraneo, il diverso, l’animale – e insieme di rappresentare il volto nascosto della femminilità, che è misteriosa fusione di anima e corpo» (Marco Belpoliti).
Con una nota di Giuseppe Iannaccone
gli Adelphi, 685
2024 / pp. 119 / € 12,00  € 11,40
Aggiungi al carrello Aggiungi al carrello Aggiungi al carrello
gli Adelphi, 685
2024 / pp. 119 / € 12,00  € 11,40
Aggiungi al carrello Aggiungi al carrello Aggiungi al carrello
Altre edizioni
L’irrequietezza visionaria e dolente della giovane Ortese nelle lettere a un’amica.
A cura di Monica Farnetti
Con una Nota di Stefano Pezzoli
Piccola Biblioteca Adelphi, 792
2023 / pp. 160 / € 14,00  € 13,30
Aggiungi al carrello Aggiungi al carrello Aggiungi al carrello
Piccola Biblioteca Adelphi, 792
2023 / pp. 160 / € 14,00  € 13,30
Aggiungi al carrello Aggiungi al carrello Aggiungi al carrello
Altre edizioni
Anna Maria Ortese

Il porto di Toledo

«”È forse il romanzo più azzardato di Anna Maria Ortese” dice la presentazione editoriale. Io toglierei il “forse”» (Giuseppe Galasso).
gli Adelphi, 544
2018 / pp. 554 / € 16,00  € 15,20
Aggiungi al carrello Aggiungi al carrello Aggiungi al carrello
gli Adelphi, 544
2018 / pp. 554 / € 16,00  € 15,20
Aggiungi al carrello Aggiungi al carrello Aggiungi al carrello
Altre edizioni
  • Fabula
    1998 / pp. 554 / € 20,00  € 19,00
Anna Maria Ortese

Alonso e i visionari

L’ultimo, splendido romanzo che Anna Maria Ortese lasciò ai suoi lettori.
gli Adelphi, 524
2017 / pp. 246 / € 12,00  € 11,40
Aggiungi al carrello Aggiungi al carrello Aggiungi al carrello
gli Adelphi, 524
2017 / pp. 246 / € 12,00  € 11,40
Aggiungi al carrello Aggiungi al carrello Aggiungi al carrello
Altre edizioni
  • Fabula
    1996 / pp. 246 / € 16,00