Porfirio

Sui simulacri

Porfirio

Sui simulacri

Introduzione e Commento di Mino Gabriele
Traduzione di Franco Maltomini
Piccola Biblioteca Adelphi, 626
2012, 3ª ediz., pp. 293
isbn: 9788845926549
Temi: Classici greci e latini, Antichità classica, Simbolica
€ 17,00 -20% € 13,60
Condividi Condividi Condividi
Aggiungi al carrello Aggiungi al carrello Aggiungi al carrello
Risvolto

Porfirio di Tiro, allievo prediletto di Plotino, fu il filosofo più temuto dai Padri della Chiesa per la svettante intelligenza e la raffinata erudizione, poste a difesa della millenaria sapienza pagana contro il dilagare della nuova concezione cristiana. Di lui si racconta che a un convito per l'anniver­sario di Platone, dove lesse un suo poema dal titolo Le nozze sacre, fu tacciato di pazzia per le «molte cose che aveva pronunciato nell'entusiasmo, in senso mistico e velato». Ma Plotino intervenne e gli disse: «Ti sei dimostrato al tempo stesso poeta e filosofo e ierofante». E tale si dimostra anche in questo Sui simulacri – di cui sopravvivono pochi, preziosi frammenti –, straordinaria introduzione alla lettura simbolica delle immagini sacre, ossia di quelle plastiche personificazioni dei fenomeni naturali e di visioni teologiche e cosmologiche che aprono l'accesso a conoscenze più alte. Creando un'intensa sintonia tra religione tradizionale e filosofia, Porfirio insegna come la comprensione delle figurazioni simboliche offra all'uomo la possibilità di avere cognizione delle cose ultramondane, giacché l'an­tica sapienza degli Egizi e dei Greci era stata capace di mostrare l'invisibile attraverso forme visibili, di sposare l'arcano ineffabile con la materia caduca in un indivisibile Uno. I colori, gli attributi ed epiteti che, opportunamente concertati, plasmano, rivestono e nominano i simulacri li rendono una memoria visiva che impedisce l’oblio del divino – e che permette di intendere tutta l'arte del mondo classico.