Benedetto Croce

Una famiglia di patrioti

Benedetto Croce

Una famiglia di patrioti

I Poerio
A cura di Giuseppe Galasso
Piccola Biblioteca Adelphi, 595
2010, pp. 179
isbn: 9788845924583
Temi: Storia moderna
€ 13,00 -5% € 12,35
Wishlist Wishlist Wishlist
Aggiungi al carrello Aggiungi al carrello Aggiungi al carrello
Risvolto
«La scrissi nell’occasione che ebbi a studiare le carte dei Poerio-Imbriani: uno dei non so quanti archivî privati di uomini del Risorgimento e di letterati, che io ho preso cura di ricercare, ordinare ed esaminare» annota Croce a proposito di questa monografia dedicata ai Poerio. Ma la pacata semplicità di uno studioso della grandezza di Croce rischia oggi di risultare fuorviante: perché questo scritto, frutto di un accurato scavo d’archivio non meno che di una vastissima documentazione, è in realtà il racconto – limpido e trascinante nel suo intreccio di filosofia, politica e letteratura – di settant’anni fra i più tumultuosi e risolutivi della storia d’Italia, dall’ultimo scorcio del Settecento al 1866. Rivivremo così la giovinezza wertheriana di Giuseppe Poerio che, giunto a Napoli nel 1795 dopo studi impregnati della più moderna cultura europea, contribuisce in maniera decisiva al trionfo francese e repubblicano, si batte valorosamente contro i sanfedisti e viene condannato al carcere a vita nella fossa della Favignana (lo salva l’indulto, nel 1801); poi la sua evoluzione politica, tipica di un’intera generazione, giacché nel prendere via via le distanze dalle astrattezze giacobine Poerio rivaluta la reazione popolare antifrancese e abdica all’odio antimonarchico, alimentando il partito liberale moderato; infine il suo esilio con i sodali in Toscana e in altri Paesi europei. Ma rivivremo anche le vicende del figlio Carlo, più volte arrestato dalla polizia borbonica e condannato all’ergastolo, il quale contribuirà alla trasformazione del partito liberale napoletano in partito italiano; la tormentata vocazione alla poesia di suo fratello Alessandro, fervente ammiratore di Goethe, amico di Leopardi e Tommaseo; e le storie delle donne di casa Poerio, in particolare di Carlotta, sorella di Carlo e Alessandro e madre di Vittorio Imbriani.