Aleksandr Puškin

Poemi e liriche

Aleksandr Puškin

Poemi e liriche

Biblioteca Adelphi, 406
2001, 3ª ediz., pp. 503
isbn: 9788845916069
Temi: Letterature slave, Poesia
€ 30,00 -5% € 28,50
Wishlist Wishlist Wishlist
Aggiungi al carrello Aggiungi al carrello Aggiungi al carrello
Risvolto

Fra i grandi poeti dell’Ottocento, Puškin fu il solo cui il destino riservò il compito di fondare una letteratura. E, dai giorni della sua breve vita sino a oggi, si può dire che i suoi versi non abbiano mai abbandonato la memoria della Russia. Tradurre Puškin è stato sempre considerato una prova durissima e della più alta importanza, come se dalla conoscenza di questo poeta dipendesse la conoscenza di tutta una civiltà letteraria: basti pensare agli anni di appassionate fatiche che Nabokov dedicò alla traduzione dell’Onegin. In Landolfi Puškin ha trovato l’interprete che più gli si poteva avvicinare – per la nitidezza dello stile e una profonda congenialità, paradossalmente non disgiunta, come lo stesso Landolfi confessa nell’Introduzione, da una sorta di ribellione, quasi per eccesso di intimità con l’autore.