Carl Schmitt

Donoso Cortés

Carl Schmitt

Donoso Cortés

Interpretato in una prospettiva paneuropea
A cura di Petra Dal Santo
Piccola Biblioteca Adelphi, 380
1996, pp. 119
isbn: 9788845912481
Temi: Ritratti, Politica
€ 8,00 · Temporaneamente non disponibile
Wishlist Wishlist Wishlist
Risvolto

Pochi uomini ebbero la capacità di comprendere il significato dei moti che percorsero l’Europa del 1848. E pochissimi seppero vedere in quale immenso mare di sangue sarebbero sfociate, nel nuovo secolo, tutte le correnti rivoluzionarie, socialiste, anarchiche, comuniste, nazionaliste e atee che allora vennero soffocate. Fra questi ultimi va certamente annoverato lo spagnolo Donoso Cortés. Consigliere della regina Isabella II e ambasciatore a Berlino e a Parigi, morto nel 1853 a poco più di quarant’anni, Cortés univa in sé le doti di un «consumato diplomatico di professione» e la tempra del «profeta escatologico», che sapeva trasmettere una visione disperata della storia con pennellate degne di Goya. Nel contempo, la capacità di dare una interpretazione perfettamente lucida degli eventi cui assisteva gli consentì di percepire come nessun altro il senso autentico dell’enorme opera di rimozione che l’Europa stava mettendo in atto negli ultimi decenni del XIX secolo, contrassegnati dalla prosperità economica e dal progresso tecnico.
Dopo la sua morte, «l’odio terribile, spesso satanico» dei nemici lo condannò all’oblio. Settanta anni più tardi, quando la maschera dell’ottimismo positivistico era ormai definitivamente caduta, fu Carl Schmitt a cogliere, con mirabile empatia teorica e storico-politica, il significato delle previsioni che Donoso Cortés aveva formulato nell’isolamento più profondo – e a trovare in lui, come già in Thomas Hobbes, un grande ispiratore del proprio pensiero politico.
I quattro saggi qui raccolti furono stesi fra il 1922 e il 1944 e pubblicati poi in volume, con una nuova Introduzione, nel 1950.