IN COPERTINA
La cornice della copertina è ripresa da uno studio per la decorazione di pareti di epoca Biedermeier.
SINOSSI

Che Jung considerasse l’immaginario alchemico una risorsa per la pratica psicoanalitica è testimoniato da opere quali Psicologia e alchimia e Mysterium Coniunctionis. Negli scritti qui raccolti Hillman riprende e approfondisce le intuizioni junghiane traendone un solido impianto epistemologico, sorprendente per coerenza e originalità. Se «l’individuazione della nostra anima richiede il riconoscimento dell’individualità dell’anima presente nelle cose», è legittimo affiancare alla psicologia un mondo a prima vista ai suoi antipodi come l’alchimia, giacché non vi è poi grande differenza tra chi tentava di trasmutare metalli vili in oro e chi trasmuta anime sofferenti in anime rasserenate, «indorate» di pace. Con il contagioso entusiasmo di un esploratore, Hillman illustra le corrispondenze insospettate tra stadi dell’opus alchemico e momenti dell’opus analitico: dalla nigredo inconsolabile delle fasi depressive alla lunare albedo della riflessione, dalla citrinitas dolorosa, in cui la mente «soffre la propria comprensione», alla rubedo finale, che porta all’armonia di psiche e cosmo, di giudizio critico e fantasia estetica. E il primo paziente di questa terapia fondata su sostanze mutevoli e influssi astrologici è la psicologia stessa, poiché lo scopo dichiarato di Psicologia alchemica è fornirle «un altro metodo per immaginare le proprie idee e i propri procedimenti», guarirla dalla «letteralizzazione» che ne ha fatto un sistema di concetti ossificati e inariditi. Qui sta, in definitiva, la vera forza di queste pagine: il linguaggio alchemico dona nuova energia a quel processo di revisione della psicologia cui James Hillman ha dedicato tutta la vita. 

Volumi dello stesso autore
«La psicoanalisi ora è malata di narcisismo. Si culla nell’illusione di essere la grande infermiera del mondo: ma invece aiuta solo il mondo ad andare a rotoli» (James Hillman).
Traduzione di Aldo Giuliani
gli Adelphi, 571
2019 / pp. 481 / € 15,00  € 14,25
Aggiungi al carrello Aggiungi al carrello Aggiungi al carrello
gli Adelphi, 571
2019 / pp. 481 / € 15,00  € 14,25
Aggiungi al carrello Aggiungi al carrello Aggiungi al carrello
Altre edizioni
James Hillman

Presenze animali

La presenza degli animali così come si manifesta nella psiche umana.
Traduzione di Alessandro Serra e David Verzoni
Piccola Biblioteca Adelphi, 689
2016 / pp. 232 / € 14,00
Piccola Biblioteca Adelphi, 689
2016 / pp. 232 / € 14,00
Altre edizioni
James Hillman

Figure del mito

L’occulto rapporto tra i miti e la nostra psiche in un’illuminante costellazione di saggi.
Traduzione di Adriana Bottini
Il ramo d'oro, 61
2014 / pp. 363 / € 32,00  € 30,40
Aggiungi al carrello Aggiungi al carrello Aggiungi al carrello
Il ramo d'oro, 61
2014 / pp. 363 / € 32,00  € 30,40
Aggiungi al carrello Aggiungi al carrello Aggiungi al carrello
James Hillman

Il mito dell’analisi

Si può dire che questo libro segni il più importante sviluppo della psicologia analitica dopo la morte di Jung. James Hillman vi ha messo in questione l'ana­lisi stessa con una radicalità e una consequenzialità che sconvolgono e scalzano ogni possibile routine delle varie scolastiche (junghiane non meno che freudiane). Dopo che per...
Traduzione di Aldo Giuliani
gli Adelphi, 415
2012 / pp. 385 / € 14,00  € 13,30
Aggiungi al carrello Aggiungi al carrello Aggiungi al carrello
gli Adelphi, 415
2012 / pp. 385 / € 14,00  € 13,30
Aggiungi al carrello Aggiungi al carrello Aggiungi al carrello
Altre edizioni