James Hillman

Il mito dell’analisi

James Hillman

Il mito dell’analisi

Traduzione di Aldo Giuliani
gli Adelphi, 415
2012, 2ª ediz., pp. 385
isbn: 9788845927041
Temi: Critica della cultura, Mitologie, Psicologia / Psicoanalisi / Psichiatria
€ 14,00 -5% € 13,30
Wishlist Wishlist Wishlist
Aggiungi al carrello Aggiungi al carrello Aggiungi al carrello
Risvolto

Si può dire che questo libro segni il più importante sviluppo della psicologia analitica dopo la morte di Jung. James Hillman vi ha messo in questione l'ana­lisi stessa con una radicalità e una consequenzialità che sconvolgono e scalzano ogni possibile routine delle varie scolastiche (junghiane non meno che freudiane). Dopo che per decenni l'analisi ha preteso di sezionare il mito, qui per la prima volta ci si chiede: qual è il mito che sta dietro all'analisi e la determina nel profondo?

«Se leggete Il mito dell'analisi vi trovate oltre l'analisi, grazie all'analisi, si capisce, perché soltanto Freud e Jung e tutti i loro precursori e seguaci hanno restituito la mitologia all'anima e ricostituito la mitologia dell'anima. A ogni modo, l'immaginazione neoplatonica di Hillman non può più soddisfarsi della terapia analitica. In epigrafe alla prima parte del suo libro egli cita un passo da una lettera di Keats dove il mondo è chiamato romanticamente “la valle del Fare Anima”. Ciò che affascina nella terapia analitica è questo fare anima, l'analisi è per Hillman “un procedimento mitopoietico”».

ALFREDO GIULIANI

Altre edizioni
1991, pp. 385
€ 28,00 -5% € 26,60
1979, pp. 379
2014, pp. 385
€ 6,99