Heinrich Heine

Gli dèi in esilio

Heinrich Heine

Gli dèi in esilio

A cura di Lia Secci
Piccola Biblioteca Adelphi, 72
1978, 4ª ediz., pp. 131
isbn: 9788845915543
Temi: Letterature di lingua tedesca, Libelli
€ 12,00 -15% € 10,20
Wishlist Wishlist Wishlist
Aggiungi al carrello Aggiungi al carrello Aggiungi al carrello
Risvolto

Tutto l’Ottocento è traversato dalla riscoperta degli dèi pagani – e uno dei momenti più intensi di tale processo è segnato da questi testi di Heine, il grande poeta tedesco che ebbe il singolare destino di essere amato con uguale passione da Marx e da Nietzsche. Nei quattro scritti qui raccolti – due di carattere saggistico, Gli spiriti elementari e Gli dèi in esilio, due in forma di pantomima danzata, La dea Diana e Il dottor Faust, Heine ci racconta, con la sua sovrana grazia di narratore, «la trasformazione subita dagli dèi greco-romani allorché il cristianesimo conquistò il dominio del mondo». Esplorando le leggende, le fiabe e le superstizioni medioevali incontriamo così, sotto tratti demonizzati, gli antichi dèi: segno non solo del loro esilio, ma della loro incancellabile vita. Quelle potenze – Heine ci suggerisce – sono ancora fra noi: ma, se ci ostiniamo a non riconoscerle, la «dea Diana» potrà apparire come una femme fatale che conduce alla rovina, e il moderno Faust sarà ingannato da una seducente Mephistophela. Un ricco materiale mitologico e fiabesco viene qui animato dall’ironia penetrante, dalla nostalgia febbrile, dalla nervosità morbida che sono peculiari di Heine e ci introducono direttamente a tutta la sensibilità ‘moderna’. Dall’Olimpo ai roghi delle streghe, alle foreste germaniche, al demi-monde parigino: ovunque Heine ci trascina, sulle tracce dei suoi esseri divini, come in un amabile feuilleton: ma in ogni sua pagina troviamo accenni lucidissimi a temi che poi avrebbero ossessionato tutta la cultura europea: l’amore per i Greci e il satanismo, il mito della Donna Perversa, i piaceri della contaminazione.

Altre edizioni
2019, pp. 131
€ 6,99