Albert Ehrenstein

Tubutsch

Albert Ehrenstein

Tubutsch

Traduzione di Helena Janeczek
Piccola Biblioteca Adelphi, 448
2000, pp. 78
isbn: 9788845915482
Temi: Letterature di lingua tedesca
€ 8,00 -15% € 6,80
Wishlist Wishlist Wishlist
Aggiungi al carrello Aggiungi al carrello Aggiungi al carrello
Risvolto
«Mi chiamo Tubutsch, Karl Tubutsch. Dico il mio nome solamente perché non possiedo altro se non questo nome»: così si presenta il protagonista di questo racconto che, quando apparve nel 1911, doveva suonare azzardato e provocatorio. E la sua carica, occorre aggiungere, è rimasta intatta. Bastano poche righe ed eccoci nel territorio di una certa «prosa assoluta» – quella di Gottfried Benn o di Carl Einstein –, costruita come una sequenza di gemmanti associazioni e dissociazioni, in un continuo oscillare fra registri che vanno dall’assurdo di livida tonalità al grottesco esilarante, al disperatamente nichilistico. A parlare non è un soggetto integro, ma lembi di un soggetto che vagabonda per le vie di Vienna. Tutto si collega attraverso brevi e imprevedibili scariche di elettricità verbale. E ovunque sentiamo l’accento dell’espressionismo più puro, dolente ma privo di patetismo. Lo stesso accento che domina nel Suicidio di un gatto, l’altrettanto folgorante racconto che qui si accompagna a Tubutsch.