Sergio Solmi

Opere, IV - Saggi di letteratura francese

Sergio Solmi

Opere, IV - Saggi di letteratura francese

Tomo II: Saggio su Rimbaud - La luna di Lafourge e altri scritti
A cura di Giovanni Pacchiano
Opere di Sergio Solmi
2009, pp. 587
isbn: 9788845923579
Temi: Letteratura italiana, Critica e storia letteraria
€ 48,00 -15% € 40,80
Wishlist Wishlist Wishlist
Aggiungi al carrello Aggiungi al carrello Aggiungi al carrello
Risvolto

«Il presente saggio riflette una storia personale, la storia di una lunga, se così posso chiamarla, avventura intellettuale, che si svolge nel flusso di una durée» scriveva nel 1974 Solmi introducendo il celebre Saggio su Rimbaud. Ma le stesse parole avrebbe potuto in realtà riferirle all’intera letteratura francese, da lui indagata con passione inesausta nel corso della sua vita di studioso e saggista. Passione che traluce più che mai negli scritti qui raccolti, in cui l’appartato itinerario di Solmi raggiunge le vette più alte, là dove lo sguardo abbraccia prospettive sconfinate: «Che cosa sarebbe scrivere d’arte, di critica, se non fosse, in pari tempo, scrivere della vita?». Il Saggio su Rimbaud, sorta di testamento spirituale di Solmi, e senza dubbio una delle prose più nitide del secondo Novecento italiano, offre un esempio indimenticabile di lettura empatica, a distanze siderali da tanta letteratura accademica: «... mi pare di aver capito Rimbaud dalla contemplazione del suo paesaggio più che da tutti i volumi scartabellati nella Biblioteca di Charleville». Ma non meno memorabili sono i contributi che compongono la seconda parte del volume: studi, minuziosi e appassionati, dedicati a scrittori e poeti francesi del secondo Ottocento e del primo Novecento, scrupolosamente indagati nel loro percorso artistico e spesso ritratti con efficaci cortocircuiti. Nella scrittura Solmi capta innanzitutto, e con portentosa precisione, il timbro, quel misterioso parametro che nessuna griglia semiologica è riuscita sinora a imprigionare, e per buone ragioni. È perciò naturale che, radunando questi saggi, abbia intitolato la raccolta La luna di Laforgue: perché Laforgue è per eccellenza il poeta del timbro.