Nonno di Panopoli

Le Dionisiache, III

Nonno di Panopoli

Le Dionisiache, III

Canti 25-36
Traduzione di Maria Maletta
Biblioteca Adelphi, 470
2005, pp. LVIII-361
isbn: 9788845919534
Temi: Classici greci e latini, Antichità classica, Poesia
€ 32,00 -15% € 27,20
Wishlist Wishlist Wishlist
Aggiungi al carrello Aggiungi al carrello Aggiungi al carrello
Risvolto
Nella terza (e penultima) delle sequenze di dodici Canti che scandiscono Le Dionisiache, la spedizione indiana di Dioniso procede verso il trionfo inevitabile; ma Nonno conosce l’arte del differimento e della sospensione, e saranno necessarie altre peripezie per debellare il re Deriade e conquistare la sua città. È una serie di complesse variazioni sul tema dell’Iliade, e tuttavia il discorso poetico ha l’impronta di un’affascinante novità, giacché Nonno, più che al modello omerico, resta fedele ai caratteri specifici della sua personalità e agli elementi della sua maniera artistica: il paradosso di una retorica che invade ogni aspetto del reale, il gusto dell’assurdo e il gioco dell’ironia, il tripudio dell’erotismo, la suggestione del macabro, l’abisso della perversione. Con Dioniso entra in scena una forza indecifrabile: il moto continuo della trasformazione, il rifrangersi della realtà in parvenze illusorie, come nella lunga storia d’amore non corrisposto del guerriero indiano Morreo per la bella Calcomede, storia che ha il ritmo di un sogno, al quale non si può dare una conclusione. E i due protagonisti si perdono, senza avvedersene, nel turbinare del racconto.