Benedetto Croce

Storia dell’età barocca in Italia

Benedetto Croce

Storia dell’età barocca in Italia

Pensiero - Poesia e letteratura - Vita morale
A cura di Giuseppe Galasso
Classici
1993, pp. 656
isbn: 9788845910197
Temi: Critica e storia letteraria, Filosofia, Storia moderna
€ 50,00 -5% € 47,50
Wishlist Wishlist Wishlist
Aggiungi al carrello Aggiungi al carrello Aggiungi al carrello
Risvolto
La Storia dell’età barocca va letta, insieme alla Storia d’Europa e alla Storia d’Italia, come un’impresa di altissima sintesi, che implica il giudizio su tutta un’epoca e si scosta radicalmente dalle prospettive correnti quando il libro apparve (nel 1929). Si pensi al fondamentale capitolo sulla «decadenza» italiana nel Seicento – in cui i fenomeni più eminenti della vita politica e sociale vengono analizzati sulla base di un criterio valutativo rigorosamente etico-politico – e a quello sulla Controriforma, dove altrettanto rigorosa è la distinzione fra le manifestazioni sociali e organizzate da un lato e la sostanza morale e spirituale della vita religiosa dall’altro. Lo stesso giudizio sul barocco, che si oppone alla tendenza generale – largamente rivalutativa – della critica novecentesca, va considerato non tanto nella sua specificità estetica quanto come tentativo di giungere, attraverso l’estetico, a un giudizio complessivo su un momento della civiltà. Apparirà dunque chiaro l’aspetto fortemente polemico dell’opera, anche se il tono si mantiene sempre fermo e alto: il primo obiettivo dell’indagine di Croce è infatti quello di individuare con precisione le origini di alcune croniche debolezze morali e politiche che affliggono la storia d’Italia in quell’epoca; e proprio questo elemento – oltre alla straordinaria capacità espositiva e alla limpidezza dell’articolazione formale – rende oggi la Storia dell’età barocca di interesse tanto più immediato.