Josef Škvorecký

Il sax basso

Josef Škvorecký

Il sax basso

A cura di Giuseppe Dierna
Fabula, 67
1993, pp. 193
isbn: 9788845909450
Temi: Letterature slave
Temporaneamente non disponibile
Wishlist Wishlist Wishlist
Risvolto
Da una valigia che si socchiude cadendo baluginano i riflessi di un sax basso quasi irreale. Un ragazzo guarda: è incantato e si unisce ai grotteschi personaggi di una bruegeliana orchestra di musica leggera che appresta per quella sera un concerto in città. Con le sue note insinuanti, il sax basso diventa senza difficoltà l’immagine stessa di un contromondo: dove si può respirare, dove il suono è piacere e improvvisazione, dove non è naturale essere schiavi. Questa del sax basso è la seconda delle due «leggende» che compongono il libro, forse il più felice e immediato nella complessa opera di Škvorecký. Sono due storie dove il jazz – quale appariva, in tutta la sua proibita fascinosità, in Cecoslovacchia sia durante l’oppressione nazista sia sotto l’occupazione comunista – è il protagonista stesso, l’anima mercuriale che attraversa i sentimenti e le angosce con un invincibile guizzo.
I racconti La leggenda Emöke e Il sax basso, che compongono questo libro, sono apparsi per la prima volta fra il 1963 e il 1967.