Aggiungi alla wishlist Aggiungi alla wishlist Aggiungi alla wishlist
Condividi Condividi Condividi

Jeremy Bernstein

Uomini e macchine intelligenti

Traduzione di Giuseppe Longo

Piccola Biblioteca Adelphi, 255
1990, 3ª ediz., pp. 239
isbn: 9788845907890

Temporaneamente non disponibile
Temporaneamente non disponibile Temporaneamente non disponibile Temporaneamente non disponibile
SINOSSI

L’intelligenza artificiale, prima di diventare un’immensa impresa di ricerca e innovazione tecnologica, quale è oggi, fu il nome di un oggetto sconosciuto attorno al quale ruotava il pensiero di pochi scienziati, isolati e testardi: primo fra tutti Marvin Minsky, l’uomo con il quale l’intelligenza artificiale ha finito per essere identificata.
Con grande grazia, capacità di divertire e abilità nell’esporre con la massima evidenza le questioni più complicate, Jeremy Bernstein ci introduce nella mente e nella vita di Minsky – e, attraverso di essa, intrecciando aneddoti e questioni teoriche, in quelle di Alan Turing, Kurt Gödel, John von Neumann, Warren McCulloch, e indietro sino a Babbage e a Leibniz, come risalendo l’invisibile catena dei pensatori che furono attratti dall’idea di una «macchina pensante». Questo libro appartiene alla specie rara di quelli dove si imparano molte cose senza quasi accorgersene: per esempio due amanti ci illustreranno il funzionamento della macchina di Turing e un barbiere che non poteva radere se stesso varrà da illustrazione del teorema di Gödel.

Volumi dello stesso autore
Jeremy Bernstein

Salti quantici

«Chiunque non ne resti sconvolto incontrandola per la prima volta evidentemente non l'ha capita» diceva della meccanica quantistica Niels Bohr, uno dei suoi padri fondatori – mentre Einstein ne era piuttosto infastidito: "Dio non gioca a dadi col mondo». Certo è che, visti da vicino, i fenomeni quantistici pongono sconcertanti sfide...
Traduzione di Franco Ligabue
Biblioteca Scientifica, 52
2013 / pp. 202 / € 24,00
Biblioteca Scientifica, 52
2013 / pp. 202 / € 24,00