Gli ordini pervenuti dal 6 al 23 agosto saranno elaborati e spediti a partire da lunedì 24 agosto.
Moshe Idel, Natan ben Sa‘adyah Har’ar

Le porte della giustizia

Moshe Idel, Natan ben Sa‘adyah Har’ar

Le porte della giustizia

Ša’are Sedeq
A cura di Maurizio Mottolese, Moshe Idel
Biblioteca Orientale, 5
2001, pp. 544
isbn: 9788845916410
Temi: Ebraismo e letteratura ebraica, Mistici occidentali
€ 32,00 -5% € 30,40
Wishlist Wishlist Wishlist
Aggiungi al carrello Aggiungi al carrello Aggiungi al carrello
Risvolto

Molti lettori si sono avvicinati alla Qabbalah attraverso un trattato di Scholem, Le grandi correnti della mistica ebraica. E lì, nel capitolo dedicato ad Abulafia, avranno trovato la lunghissima citazione di un testo che racconta il procedere di un’esperienza estatica. Quel testo, che sembra condensare in sé le peculiarità più affascinanti della speculazione cabbalistica, è lo Ša‘are sedeq (Le porte della giustizia), di cui mancava fino ad oggi un’edizione rigorosa e filologicamente attendibile. Ce la offre ora Moshe Idel – lo studioso che ha degnamente occupato il posto di Scholem –, corredandola di un vasto commento; non solo: nel suo saggio introduttivo, che ha lo spessore di una vera monografia sulla Qabbalah estatica, Idel propone una convincente attribuzione delle Porte della giustizia a Rabbi Natan ben Sa‘adyah Har’ar, abitante di Messina e seguace di Abulafia nel periodo in cui questi operò in Sicilia, vale a dire nell’ultimo scorcio del XIII secolo. Potremo così finalmente avere accesso a una delle opere più abbaglianti della mistica ebraica in genere, nonché a una preziosa porta che ci introduce a tutta la storia della Qabbalah.