Gypsy Rose Lee

Gypsy

Gypsy Rose Lee

Gypsy

Un libro di memorie
Traduzione di Franco Salvatorelli
La collana dei casi, 38
1997, pp. 416 , 21 ill. in b/n
isbn: 9788845913228
Temi: Autobiografie, Eros, Spettacolo
€ 26,00 -15% € 22,10
Wishlist Wishlist Wishlist
Aggiungi al carrello Aggiungi al carrello Aggiungi al carrello
Risvolto
Fra gli archetipi femminili dello spettacolo, accanto alla Dark Lady e alla Bionda Svampita c’è anche la Regina dello Spogliarello: Gypsy Rose Lee, ovvero la leggendaria Gypsy. Spregiudicata come Mae West, sbrigativa come Bette Davis, Gypsy è una sorta di turbine con un alto senso dello humour che attraversa una vita piena di incongruità, sordidezze, farse e colpi di scena, raccontandoci col piglio del cantore epico e insieme dell’intrattenitore di avanspettacolo come riuscì a diventare, da oscura figlia d’arte, prima una stella di Ziegfeld e infine la più grande stripteaser del suo tempo.
Insieme cronaca di un’interminabile tournée nelle vene dell’America della Depressione, passerella di figure indimenticabili – gangster con la febbre del palcoscenico, spogliarelliste specializzate nella contorsione indipendente dei seni, vecchi comici condannati a ripetere in eterno la stessa scenetta hawaiana – e serata d’onore per un varietà ormai lontano e perduto, Gypsy è forse il primo, grande romanzo del mondo inebriante e sgangherato che si nasconde dietro le quinte. Questo Helzapoppin picaresco e struggente, ambientato quasi per intero tra fondali cadenti, miserabili stanze d’albergo e squallidi camerini, è raccontato dalla voce di una protagonista travolgente, che scende da una Rolls-Royce con le iniziali in oro e si presenta in scena esigendo che il suo pubblico le tributi un ultimo applauso, ma soprattutto «la smetta di fare tante domande».
Gypsy è apparso negli Stati Uniti nel 1957.
Altre edizioni
2011, pp. 416
€ 14,00 -15% € 11,90