Aggiungi alla wishlist Aggiungi alla wishlist Aggiungi alla wishlist
Condividi Condividi Condividi

Jurgis Baltrušaitis

Aberrazioni

Saggio sulla leggenda delle forme

Traduzione di Anna Bassan Levi

Fuori collana
1983, pp. 172
isbn: 9788845905612

Temporaneamente non disponibile
IN COPERTINA
Jan van Kessel, America, Staatsgemäldesammlungen, Schloss Schleissheim, München.
SINOSSI

«Le verità metafisiche sono le verità delle maschere» scrisse Oscar Wilde. E Baltrušaitis qui aggiunge, sulla base della sua enorme esperienza di storico e celebratore delle aberrazioni fantastiche: «Sono anche le verità delle favole. Le illusioni e le fantasie che nascono intorno alle forme corrispondono a una realtà, e generano a loro volta forme in cui immagini e leggende vengono proiettate e si materializzano nella vita. Alcune di quelle favole formano l’argomento di Aberrazioni: la favola della bestia nell’uomo, la fiaba delle pietre figurate, il romanzo della foresta gotica e la rivelazione del Paradiso e della Cina, di epoche e contrade remote in un giardino. Scelte in un repertorio immenso – l’intero universo è stato continuamente ricreato dai poeti e dai logici – esse si ricollegano a quattro grandi temi: figura umana, repertorio iconografico, architettura, natura-giardino, dandoci un’idea della vastità e della varietà di queste regioni incantate.
«Le leggende si sono formate naturalmente secondo concezioni valide e in virtù di apparenze, ma, introdotte nel campo della speculazione, si sono sviluppate con rigore implacabile, spingendosi in certe fasi oltre i limiti della ragione. Non si tratta di un incidente del pensiero: nomi illustri, filosofi, eruditi, scrittori e artisti di prima grandezza si trovano spesso associati alle considerazioni più bizzarre. In questi momenti si rivela la potenza assoluta della fantasia: tutta l’umanità assume lineamenti animaleschi, nei trattati di scienze naturali si moltiplicano minerali raffiguranti mondi viventi e rovine, le cattedrali s’innalzano insieme agli alberi, e i giardini si riempiono di ogni sorta di epoche e luoghi. Tutto prende corpo in una logica imperturbabile, con analisi tecniche ardue e un’incontestabile erudizione mitologica e storica.
«I metodi di identificazione dei corpi dell’uomo e della bestia, le esegesi scientifiche della genesi delle immagini nella pietra, l’assimilazione delle cattedrali gotiche alle foreste druidiche, alle piramidi egizie e alle lanterne dell’Estremo Oriente, l’evocazione in uno spazio limitato di una fantasmagoria universale e drammatica sono aberrazioni nei due sensi del termine: uno smarrimento, una deviazione dell’intelletto, un fenomeno ottico il cui effetto consiste nel far vedere i corpi (celesti) in luoghi e direzioni in cui non si trovano. Tuttavia le aberrazioni corrispondono a una realtà delle apparenze e posseggono un’innegabile facoltà di trasfigurazione. La vita delle forme dipende non soltanto dal luogo in cui esse esistono realmente, ma anche da quello in cui vengono viste e si ricreano.
«Citando testi che appaiono spesso quasi insensati, testi disprezzati e respinti dagli studiosi della nostra epoca o completamente snaturati in versioni moderne, abbiamo tentato di ricostruire l’insieme dell’articolarsi di uno sviluppo morfologico e di metterne in risalto la poesia e la significanza. Le aberrazioni contengono anche verità metafisiche. I temi che trattiamo non appartengono soltanto a campi diversi, ma anche a diverse civiltà. Essi spaziano, secondo i casi, dall’Antichità classica e dal Medioevo fino all’Ottocento o al Novecento, dall’Estremo Occidente al Celeste Impero. Tutti si ricollegano alle medesime preoccupazioni e ne confermano la permanenza. Questo libro si colloca in un complesso di ricerche sulle deformazioni della visione e della mente».
Di questo complesso di ricerche, che ha esso stesso una forma erudita e fantastica, quasi per una delicata assimilazione agli oggetti che tratta, abbiamo già pubblicato Anamorfosi e Lo specchio. Aberrazioni vi si aggiunge ora, in una stesura ampliata e arricchita rispetto alla prima, apparsa nel 1957. Questa nuova edizione viene pubblicata simultaneamente in Italia e in Francia.

Volumi dello stesso autore
Jurgis Baltrušaitis

Arte sumera, arte romanica

Quando fu ravvisata la sorprendente affinità della scultura romanica con le immagini dell’antica arte mesopotamica, non pochi archeologi e storici si dedicarono con fervore all’esplorazione del nuovo, affascinante territorio di studi. Ma solo il giovane Baltrušaitis doveva individuare, con facoltà rabdomantica, il complesso e occulto...
Traduzione di Marco Infurna
i peradam, 8
2006 / pp. 259 / € 29,00  € 27,55
Aggiungi al carrello Aggiungi al carrello Aggiungi al carrello
i peradam, 8
2006 / pp. 259 / € 29,00  € 27,55
Aggiungi al carrello Aggiungi al carrello Aggiungi al carrello
Jurgis Baltrušaitis

Formazioni, deformazioni

Quando apparve per la prima volta, nel 1931, questo saggio si impose subito come un’opera capitale, in grado di gettare nuova luce su alcuni passaggi decisivi dell’arte medioevale in Occidente. E non mancò di sbalordire l’«occhio assoluto» che rivelava il suo giovane autore, nonché la sua capacità di individuare...
Traduzione di Marco Infurna
Il ramo d'oro, 46
2005 / pp. 290 / € 32,00  € 30,40
Aggiungi al carrello Aggiungi al carrello Aggiungi al carrello
Il ramo d'oro, 46
2005 / pp. 290 / € 32,00  € 30,40
Aggiungi al carrello Aggiungi al carrello Aggiungi al carrello
Jurgis Baltrušaitis

Risvegli e prodigi

Concepito insieme a Medioevo fantastico, Risvegli e prodigi completa in prospettiva temporale la mirabile indagine di Baltrušaitis sui temi del mostruoso, del grottesco, del demoniaco, del fantastico e sulla loro rappresentazione nell’età di mezzo. Lo stupore che coglie il lettore di Medioevo fantastico nello scoprire quanto profondamente...
Traduzione di Marco Infurna
Il ramo d'oro, 33
1999 / pp. 491 / € 42,00  € 39,90
Aggiungi al carrello Aggiungi al carrello Aggiungi al carrello
Il ramo d'oro, 33
1999 / pp. 491 / € 42,00  € 39,90
Aggiungi al carrello Aggiungi al carrello Aggiungi al carrello
Jurgis Baltrušaitis

Il Medioevo fantastico

Origini e trasformazioni – dall’Oriente estremo fino all’arte gotica e a Bosch – di ciò che fu chiamato il «mostruoso», il «macabro», il «fantastico», il «demoniaco». Un’opera capitale di storia delle immagini – e quindi non solo di storia dell’arte, ma della civiltà.
Traduzione di Fulvio Zuliani, F. Bovoli
gli Adelphi, 45
1993 / pp. 376 / € 19,00  € 18,05
Aggiungi al carrello Aggiungi al carrello Aggiungi al carrello
gli Adelphi, 45
1993 / pp. 376 / € 19,00  € 18,05
Aggiungi al carrello Aggiungi al carrello Aggiungi al carrello
Altre edizioni