Immanuel Kant

Critica della ragione pura

Immanuel Kant

Critica della ragione pura

Traduzione di Giorgio Colli
Classici
1976, pp. 910
isbn: 9788845900334
Temi: Filosofia
Temporaneamente non disponibile
Wishlist Wishlist Wishlist
Risvolto
La Critica della ragione pura è universalmente riconosciuta come l’opera più significativa di Kant e, in certo modo, come pietra angolare della filosofia moderna. Sull’interpretazione di questo libro estremamente arduo e sconcertante si sono fondate e si sono scontrate le più diverse tendenze filosofiche, a partire dal primo idealismo tedesco e da Schopenhauer sino ai neo-kantiani, a Heidegger e agli epistemologi moderni. È chiaro perciò che la traduzione di un’opera del genere implica notevolissimi problemi esegetici: in Italia, per lunghi anni, la traduzione canonica è stata quella di Gentile e Lombardo-Radice, che ha corrisposto al periodo di egemonia dell’idealismo italiano. Ma è appunto quella prospettiva che per un lettore di oggi non può che essere gravemente sviante. La traduzione di Colli, oltre che segnalare numerosi errori della traduzione gentiliana, propone una lettura spesso radicalmente nuova di tutta la terminologia kantiana, liberandola di tutte le sovrapposizioni idealistiche. In un ampio commento, Colli rende ragione delle sue scelte. La sua traduzione, inoltre, è l’unica che risolva tipograficamente il difficile e capitale raffronto sinottico fra la prima e la seconda edizione della Critica. Ristampando oggi l’edizione di Colli, che era apparsa per la prima volta nel 1957, rendiamo di nuovo accessibile una traduzione insuperata, che potrà guidarci con autorità nella lettura di uno dei grandi testi speculativi che più hanno bisogno di essere avvicinati con rigore filologico e critico.
Altre edizioni
1995, pp. 910
€ 18,00 -5% € 17,10