Friedrich Nietzsche

Frammenti postumi 1885-1887

Friedrich Nietzsche

Frammenti postumi 1885-1887

Traduzione di Sossio Giametta
Opere di Friedrich Nietzsche
1975, 2ª ediz., pp. XII-372, Volume VIII- Tomo 1
isbn: 9788845900303
Temi: Filosofia, Aforismi e frammenti
Temporaneamente non disponibile
Wishlist Wishlist Wishlist
Risvolto

In questo primo tomo dell’ottava sezione delle «Opere di Friedrich Nietzsche» sono contenuti i frammenti postumi scritti fra l’autunno 1885 e l’autunno 1887, nella stessa epoca cioè, assai produttiva, in cui Nietzsche pubblicò Al di là del bene e del male e la Genealogia della morale, e scrisse le nuove prefazioni per le seconde edizioni di alcune sue opere precedenti. Proprio per la concomitanza con diversi scritti pubblicati, questi frammenti postumi sono quantitativamente meno estesi che in altri periodi dell’attività di Nietzsche. Ciò non significa che essi siano meno interessanti. È in questo periodo che viene iniziato il lavoro per la grande opera progettata, e mai realizzata, la Volontà di potenza. Vari piani e schizzi per quest’opera vengono qui pubblicati per la prima volta (quelli dell’estate 1886) e molto materiale destinato a quel progetto sarà poi rifuso nella fittizia Volontà di potenza pubblicata postuma dalla sorella di Nietzsche. Tale materiale è pubblicato qui come Nietzsche l’aveva scritto. L’esempio più notevole della manipolazione della sorella è offerto dall’importante testo Il nichilismo europeo (Lenzer Heide, 10 giugno 1887), spezzettato e reso irriconoscibile da Elisabeth Foerster-Nietzsche, e qui presentato invece nella sua unità e continuità.
Nei frammenti suddetti il titolo Volontà di potenza rimane costante: variano invece i sottotitoli. Troviamo prima Tentativo di una nuova interpretazione di tutto l’accadere (autunno 1885), e poi Tentativo di una trasvalutazione di tutti i valori (estate 1886). Numerose sono le tracce di letture e le discussioni su temi strettamente filosofici, tra cui le più notevoli riguardano Spinoza e Kant. In questo stesso periodo Nietzsche comincia a lavorare sulla Fisiologia dell’arte.