Antonello Gerbi

La disputa del Nuovo Mondo

Antonello Gerbi

La disputa del Nuovo Mondo

Storia di una polemica (1750-1900)
A cura di Sandro Gerbi
gli Adelphi, 164
2000, pp. 1017
isbn: 9788845915239
Temi: Critica della cultura, Storia delle idee
€ 16,00 -15% € 13,60
Wishlist Wishlist Wishlist
Aggiungi al carrello Aggiungi al carrello Aggiungi al carrello
Risvolto
L’America è un continente inferiore? Così la pensava Hegel nel suo vano sforzo di ridurre a triadi l’infinita varietà del mondo. Ma non si trattava di una tesi nuova. Questo libro magistrale – un classico moderno della storiografia – ne rintraccia le origini a metà del Settecento, nel grande naturalista Buffon. Fu lui il primo a dare dignità scientifica all’idea di immaturità dell’ambiente fisico e degli animali americani. La condanna fu estesa dall’abate de Pauw agli indigeni, a suo avviso fiacchi e impotenti. Ma nessuno dei due aveva mai messo piede nel Nuovo Mondo. Tale «calunnia» innescò le vivacissime reazioni degli apologeti del Buon Selvaggio, dei Gesuiti cacciati dalle colonie iberiche e dei padri fondatori degli Stati Uniti. Viceversa illustri storici (Robertson) o filosofi (Kant e Hegel) accolsero la denigrazione buffon-depauwiana. Con somma eleganza e ironia Gerbi segue gli echi di queste polemiche nella poesia del primo Ottocento (Keats, Goethe, Lenau, Leopardi), nel pensiero di naturalisti o scienziati (Humboldt, Darwin) e nelle elucubrazioni di mistici e filosofi della storia (Herder, de Maistre, Comte), come pure nei resoconti dei viaggiatori (la Trollope e Dickens) e nelle tarde repliche dei grandi scrittori americani (Emerson, Thoreau, Melville, Whitman), fin sulle soglie del nostro secolo. Con la Disputa, Gerbi ci offre un esempio memorabile di quanto avventurosa, coinvolgente e piena di capillari implicazioni possa essere la storia delle idee.