Benedetto Croce

Teoria e storia della storiografia

Benedetto Croce

Teoria e storia della storiografia

A cura di Giuseppe Galasso
Classici
1989, pp. 430
isbn: 9788845907203
Temi: Filosofia
Temporaneamente non disponibile
Wishlist Wishlist Wishlist
Risvolto
Nel dicembre del 1909 l’editore tedesco Mohr si rivolse a Croce perché scrivesse una sorta di «manuale di Filosofia della storia». Croce accettò, seppure indicando una data di consegna non vicina, il 1913. E così ebbe inizio la tortuosa elaborazione di quello che sarebbe diventato Teoria e storia della storiografia. A mano a mano che si precisava, nella mente dell’autore, il disegno del libro, crescevano anche le perplessità sulla sua destinazione. Finché, nel 1912, Croce ne trasse una conclusione: «i risultati ai quali sono giunto e la critica che esercito su me stesso mi hanno persuaso che un volume di Filosofia della storia non si può fare in niun modo; o, almeno, non si può fare da me, che nego radicalmente la filosofia della storia». Il progetto rimaneva, ma si sarebbe sviluppato in tutt’altra direzione. Sarebbe divenuto il luogo dove Croce avrebbe finalmente mostrato la storia quale gli si era venuta rivelando in vent’anni di riflessioni: «come risultato ultimo dello spirito teoretico, il mare in cui sboccava il fiume dell’arte ingrossato da quello della filosofia». Pubblicato finalmente in italiano nel 1917, dopo una genesi «tormentata e a lungo incerta nelle sue prospettive», di cui qui rende conto puntualmente il saggio di Giuseppe Galasso, Teoria e storia della storiografia si legge oggi come il libro che forse più di ogni altro ci offre la peculiarità ultima di Croce, quella che illumina la sua celebre tesi: «Ogni vera storia è storia contemporanea».
Altre edizioni
2001, pp. 427
€ 16,00 -5% € 15,20