Gabriel Chevallier

La paura

Gabriel Chevallier

La paura

Traduzione di Leopoldo Carra
Adelphi eBook
2011, pp. 327
isbn: 9788845970108
Temi: Letteratura francese
€ 9,99
Wishlist Wishlist Wishlist
Dove acquistare Dove acquistare Dove acquistare
Risvolto

«La grande novità di questo romanzo, il cui titolo rappresentava già di per sé una sfida, era il fatto che nelle sue pagine si diceva: ho paura». Co­sì scriveva l'autore presentando, a vent'an­ni di distanza dalla sua uscita, una nuova e­di­zione dell'opera «infamante» che nel 1939, alla vigi­lia di un'altra guerra, era stata pu­dicamente ritirata dalle librerie. Eppure, se La paura è un libro unico, diver­so da tutti quelli pubblicati a caldo per denunciare la barbarie della prima guerra mondiale, non è solo a causa dell’in­solenza con cui dà voce a ciò che a detta di molti andrebbe taciuto: lo è anche, e soprat­tutto, per la forza vi­sio­naria della scrittura. Fin dalle prime pagine, infatti, si resta sbalorditi di fronte all’efficacia di Che­vallier, il quale (accompagnando il suo alter ego dal tragicomico «carnevale» dell'arruolamento all'impat­to con i campi di bat­taglia, dal lungo ricovero in ospedale al ri­torno al fronte, fino al lugubre silenzio che sembra avvolgere la terra intera dopo il «Cessate il fuoco!») sa coniugare con mano saldissima la verità impietosa della testi­monianza con la forza affabulatrice del ro­manzo. E riesce, condensandoli in una lin­gua di purezza estrema a farci percepire, quasi fisicamente, l'or­rore, lo sgomento e la di­spe­ra­zione; a farci vedere l’«esplo­sione di luce irreale» dei razzi, i cadaveri dilaniati, il «labirinto silenzioso e desolato delle trin­cee»; ad alternare l'asprez­za delle rifles­sioni del narratore alla vivacità autentica­mente plebea delle conversazioni; a met­tere in scena la vanità grottesca degli ufficiali, le vigliaccherie di alcuni e l'eroi­smo di molti; a farci condi­videre la cocciuta voglia di vivere e l'osses­siva paura di morire di tutti – e a svelare, in episodi narrati con caustica ironia, i mec­canismi perversi che regolano, nel corso di un conflitto, i rapporti tra chi comanda e chi può sol­tanto obbedire.

Altre edizioni
2011, pp. 327
€ 20,00 -15% € 17,00