Alexander Lernet-Holenia

Ero Jack Mortimer

Traduzione di Margherita Belardetti
2010, 2ª ediz., pp. 171
isbn: 9788845925108
Letteratura mitteleuropea
€ 17,00  –25%  € 12,75
Risvolto
Chi è Jack Mortimer e perché, appena è salito su un taxi al Westbahnhof di Vienna, qualcuno gli ha sparato uccidendolo sul colpo? E perché mai doveva salire proprio sul taxi del giovane Ferdinand Sponer, che ha già parecchi problemi – soprattutto quello di essersi perdutamente innamorato di una fanciulla troppo bella, troppo ricca e troppo aristocratica per lui? Anche lei, il giorno prima, era salita sul suo taxi, ed era stata come un’apparizione: «grandi occhi grigi, sotto l’orlo di una veletta», «le spalle cinte da una stola di volpe» – e per di più, come aveva facilmente scoperto l’abbagliato tassista dopo averla accompagnata a casa, contessa. Nel corso di una sola notte, l’ignaro Ferdinand Sponer si trova preso in una girandola di peripezie iperbolicamente tragicomiche, nel corso delle quali, per liberarsi dell’ingombrante cadavere, sarà costretto ad assumere lui stesso l’identità del morto e ad affrontare, nella suite di un albergo di lusso, la donna che è stata la sua amante e il di lei furibondo marito. Ma questo è solo un minuscolo segmento della incontenibile trama. Rare volte il romanzo novecentesco è stato animato da un tale strepitoso ritmo, che obbliga il lettore a seguire passo per passo – e quasi attimo per attimo – una vicenda tanto più ossessiva in quanto imprevedibile.